Un ringraziamento…

…a chi è potuto venire e a chi non è potuto… (ma solo a chi ha presentato la giustificazione eh!)  alla serata di ieri :-)

Personalmente sono molto contento anche se ha deviato un pò dall’intento iniziale ma, forse non ci crederete, eravamo pronti a questo ed avevamo pronte due o tre opzioni ed un’improvvisazione per la seconda parte.

Dai commenti ed i feedback ricevuti sento che anche chi era presente ne è uscito portandosi a casa qualcosa oltre a manuali o libri; se passate di qui lasciate il vostro commento, il vostro punto di vista, è apprezzato.

Vorrei cogliere due aspetti che mi fanno essere contento:

. il primo è la presenza di persone con cui ho una conoscenza più o meno approfondita e sono felice che da ieri sera abbiamo un’esperienza e delle informazioni in comune di cui parlare e da sviluppare insieme (se potete venite sempre “accompagnati” da amici, familiari, colleghi, sarà più interessante il dopo avendo qualcuno con cui confrontarsi e più la frequentazione è “frequente” meglio è)

. il secondo è la presenza di molte persone che non conoscevo oppure avevo avuto un contatto solo virtuale, è stata un’occasione per conoscersi dal vivo o vedersi una prima volta; noi ci siamo, disponibili a creare nuove occasioni di incontro o iniziative.

Prossimamente vi segnaliamo queste date:

8 Maggio ore 21.00 circa – luogo Terraviva – proiezione di HOME, la nostra terra di Yann Arthus Bertrand

9 e 16 Maggio ore 21.00 circa – luogo Circolo ARCI Bolognesi – proiezioni di “The Age of Stupid” e “The Power of Community, vivere senza petrolio”

A breve maggiori dettagli.

5 thoughts on “Un ringraziamento…

  1. ciao
    contenta anche io della serata. mi sarebbe piaciuta fosse più partecipativa.. ma va bene lo stesso perchè Cristiano, che avevo già sentito due anni fa sempre a Ferrara, ha aggiunto delle cose interessanti e traspariva anche una certa “maturazione” della suia esposizione sicuramente dovuta alla esperienza di due anni di transizione concreta.
    l’altra considerazione che farei tra le tante che la serata ha ispirato è questa: mi sarebbe piaciuto anche dedicare la seconda parte dell’incontro al tema del teatro anche se con il teatro io non c’entro niente dal punto di vista lavorativo. reputo infatti stimolante occuparsi di luoghi , questioni e vertenze in cui non sono implicati interessi diretti come il posto di lavoro, la scuola dei figli, la strada dove abito . certamente il teatro, anche se ci vado una volta ogni due anni, è parte della mia vita e di tutti . anche se non ci andassi affatto, va difeso ed è interessante partire dal punto di vista “teatro in transizione” per affrontare il percorso della transizione in generale.. alla prossima

    • Grazie Gaia, leggi anche la risposta più sotto che ci sono cose interessanti rispetto al tuo punto di vista.
      Il Teatro in Transizione è un desiderio che vorrei concretizzare in qualche forma, un pò per passione un pò per necessità; la necessità e la passione sono al momento soprattutto mie per cui devo in qualche modo far diventare questo progetto un progetto più allargato, non più (solo) mio… :-)

      nel prossimo periodo penso che la domanda su cui lavoro sarà questa :-)

  2. a noi dispiace tanto di non essere riusciti a venire (e senza nememno la giustificazione), ma da quel che capisco è stato bello fare incontri inaspettati…e quindi va ben così
    sul tema del teatro però, visto che vi siete preparati…ne farete un’altra vero?

    • L’idea è ancora valida, ho capito che la proposta è molto “avanzata” rispetto alla consapevolezza attuale dei colleghi che lavorano in Teatro (non c’è giudizio in questo); vedo due alternative: (a) lavorare in piccolo (criticità: tempo lungo per la situazione attuale che richiederebbe a mio parere un ripensamento molto profondo) (b) promuovere da un’altro settore del Teatro (direzione?) una giornata di lavoro, l’idea iniziale non realizzabile in questo periodo.
      Al momento ho provato in questo modo, credo che sia stato fatto un primo passetto, adesso gira anche una copia del Manuale in Teatro… per gli assenti ;-)
      Vediamo.
      Se organizziamo la giornata vorrei invitare anche persone esterne perché in quel momento più punti di vista ci sono più è ricco il lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...