Sorprendente Bruxelles : premio EESC al Transition Network

Dal blog di Transition Italia questa segnalazione di Cristiano Bottone:

Scusate il titolo, ma è che torno da questo viaggio davvero sorpreso, e lo dico in senso estremamente positivo. Diciamo che, di base, il pianeta UE con il suo roboante carrozzone mi lascia spesso molto perplesso, e quindi anche andare a ritirare questo premio mi sembrava, prima di tutto e più di tutto, un’occasione per fare un po’ di chiacchiere con Rob, Filipa e gli altri della delegazione TN.

Confesso che per me il premio era un po’ un aspetto collaterale, invece mi sono dovuto ricredere. Ho la netta sensazione che ancora una volta si sia passata una soglia evolutiva di questa formidabile, grande avventura e in questo post provo a spiegarvi perché e quali interessanti scenari si aprono ora.

Però andiamo con ordine e cominciamo dal principio.

VOLO CANCELLATO

Il mio viaggio, dopo la sveglia alle 4:20 del mattino, è cominciato così, una laconica scritta sul tabellone dell’aeroporto e nulla più. Ho vinto la voglia di tornarmene a letto e assieme a tutto il gruppo di passeggeri orfani del loro aereo mi sono messo in fila agli sportelli in attesa di essere “riprotetto” dalla compagnia. Fortunatamente il volo di mezzogiorno per Bruxelles era quasi vuoto, quindi la mattina se ne è andata su una poltroncina nel via vai del Guglielmo Marconi.

Filipa via sms mi riorganizza il trasferimento tra aeroporto di Bruxelles e il palazzo in cui verrà consegnato il premio, dovrei comunque riuscire ad arrivare in tempo. Una volta in Belgio, però, le mando un messaggio dal treno che mi porta in città e lei mi chiama dicendomi: “Per fortuna che stai arrivando, perché Rob invece no”. Il nostro eroe è rimasto piantato per due ore su un Eurostar rotto e quando entriamo nel salone dove si sta svolgendo la plenaria del EESC lui è ancora sul treno, da qualche parte.

Va a finire che al momento fatidico, come vedete nella foto qui sopra, è Filipa a rappresentare TN e a ritirare il “trofeo” mentre Rob arriva mentre viene premiato il secondo classificato. Seguono strette di mano, baci e congratulazioni incrociate, pacche sulle spalle e tutto il corollario tipico di queste occasioni. Rob avrà poi modo di rifarsi in serata, prima del buffet, con il discorsetto che vedete qui sotto.

CHI È FILIPA?

Per chi non seguisse le vicende del Transition Network (immagino la maggior parte di voi), forse è utile spiegare come si è arrivati a questo premio e capire meglio chi è questa Filipa di cui parlo. Quando l’idea di Transition ha cominciato a valicare i confini inglesi e a diffondersi in altri paesi europei (e nel mondo), è nata anche l’esigenza di avere in ogni stato una sorta di gruppo che si occupasse degli aspetti di adattamento al contesto culturale, che provvedesse alle traduzioni necessarie, che organizzasse le attività minime di formazione, che mantenesse i contatti e le relazioni a livello internazionale.

Questi gruppi (o agili strutture) vengono chiamati “hub”. Transition Italia è, appunto, l’hub italiano, tra i primi a nascere e ad oggi tra i più “organizzati” (figuratevi gli altri… hi hi hi). All’inizio gli hub erano pochi, ma nel tempo sono aumentati di numero e quindi è cresciuta l’esigenza di relazione e di un minimo di coordinamento.

Ecco che entra in scena Filipa, portoghese, ex funzionaria UE con grande esperienza dei palazzi e dei meccanismi dell’Unione. Scopre Transition, viene colta da illuminazione, dà le dimissioni e si offre di lavorare gratuitamente per un paio di anni per il Transition Network nel coordinamento degli hub e come lobbista a Bruxelles.

Qui serve una piccola parentesi perché in Italia, il termine “lobbista” non suona particolarmente positivo. Noi lo associamo alle malefatte e alle pressioni di oscuri centri di potere che operano per biechi interessi. In realtà si tratta semplicemente di fare in modo che una certa idea o una certa “causa” trovi ascolto là dove il potere politico ed economico operano. Inoltre, Filipa sta sviluppando un modo “transizionista” di intendere l’attività di lobby e, a quanto pare, dà i suoi risultati.

Infatti qualche tempo fa Filipa ha chiesto udienza all’EESC e ha spiegato loro cosa sta facendo il movimento di Transizione nel mondo, suscitando un estremo interesse. Sono rimasti tanto impressionati da accettare il fatto che per capire Transition non bastava assistere a una relazione e a qualche diapositiva. Si sono convinti che fosse necessario andare a vedere sul campo quello che stava succedendo.

Così hanno inviato i loro osservatori a passare una giornata in una Iniziativa di Transizione nel proprio paese di origine (per esempio, per l’Italia, un membro italiano dell’EESC è venuto a Monteveglio, ha incontrato me, il nostro sindaco, le nostre maestre, la direzione del Parco dell’Abbazia, indagato nelle nostre relazioni che si estendo oltre confini del Comune, sulle altre iniziative di transizione tutte attorno a Bologna, ecc.) Ognuno di questi inviati è poi rientrato alla base e ha fatto la sua relazione su quanto ha scoperto.

Non avevano mai fatto una cosa di questo tipo, e l’esperienza li ha toccati in modo profondo, perché quando si è trattato di assegnare il loro premio annuale, il Transition Network è stata una scelta facile ed estremamente convinta (primi indiscussi su 23 organizzazioni candidate al premio).

UN PUNTO DI SVOLTA?

E qui viene la parte più bella della faccenda. Siamo andati a Bruxelles a prendere un premio espressione di un apparato burocratico che “tanto ste cose le deve fare” (cosa che io sospettavo)? O c’è di più. Beh.. l’impressione è che ci sia molto, molto di più. Molti membri dell’EESC, a partire dal Presidente Staffan Nilsson, appaiono ora fan sinceri (oserei dire sfegatati) di quello che stiamo facendo e hanno passato gran parte del tempo a parlare con noi incoraggiandoci, dandoci consigli su come muoverci nei rapporti con le istituzioni europee.

Forse posso sbagliarmi, ma qui siamo passati dalle istituzioni che ci consultano incuriosite (era la situazione al Consiglio d’Europa qualche tempo fa) alle istituzioni che sembrano volerci sostenere in modo convinto: ed è tutto un’altro scenario.

Penso occorra valorizzare con grande attenzione questa situazione, apre scenari incredibili. Ne abbiamo ragionato con Rob, Gerd (Transition Germany) e Filipa in serata e a colazione, visto che eravamo ospiti a casa di Filipa, ma come sempre, il tempo non è mai abbastanza.

Il mio volo era alla sera e io e Filipa abbiamo poi continuato i ragionamenti immaginando davvero un grande quantità di nuove possibilità e strade da esplorare (di cui magari poi vi racconto in modo che ci pensiamo tutti assieme). Per ora mi resta una sensazione entusiasmante che non mi aspettavo di provare.

Vediamo se saremo in grado tutti assieme di trarre frutto da questo momento affiancando al lavoro locale un supporto europeo che davvero potrebbe farci fare veloci passi avanti nella giusta direzione e permetterci di modificare le attitudini politiche delle istituzioni.

Non sarebbe bello? La Transizione in corso dall’orto sul terrazzo ai palazzi del potere Europeo?
Dai vediamo…

La delegazione TN al completo (io e Rob avevamo addirittura la cravatta perché invitati “ufficiali”)

One thought on “Sorprendente Bruxelles : premio EESC al Transition Network

  1. Pingback: Sorprendente Bruxelles : premio EESC al Transition Network | Ferrara - Cerca News

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...